Bonus edilizia: le novità sui vetri fotovoltaici

Molte sono le idee messe in campo per sfruttare le energie rinnovabili e tra queste quella fortemente innovativa sono i vetri fotovoltaici, la loro grande caratteristica è quella di essere in grado di assorbire l’energia solare per generare quella elettrica necessaria, per soddisfare il fabbisogno di una unità abitativa.

In pratica si tratta di pannelli realizzati in vetro e trattati con un’apposita vernice o meglio un gel di silicio amorfo, formato da nanosfere che li rendono semi conduttori otticamente attivi, in grado di assorbire e trattenere i raggi del sole.

Oltre ad assicurare un elevato isolamento termoacustico è una soluzione che si abbina perfettamente nell’architettura dei moderni edifici.

Esteticamente non si nota alcuna differenza con le tradizionali finestre, perché il gel può essere applicato sia sulla superficie del vetro singolo, che nell’intercapedine di un infisso dotato di vetro camera.

Le finestre possono essere realizzate in diversi stili a seconda di dove vengono installate, varie per dimensioni e spessori, ma anche vetri fotovoltaici possono avere diversi aspetti e gradi di trasparenza, si va da quello trasparente a quello semi trasparente o colorato per meglio adattarsi allo stile architettonico dell’edificio.

Utili per realizzare pannelli trasparenti in grado di lasciar passare la luce, per ricoprire tetti o facciate di edifici, offrendo non solo una illuminazione naturale, ma soprattutto un sicuro risparmio energetico.

Questo particolare tipo di pannello viene sempre più utilizzato sia nell’edilizia sostenibile che in altri ambiti, dalle serre solari ai capannoni.

I vetri fotovoltaici potrebbero essere la soluzione ideale per le costruzioni che sorgono nei luoghi dove non è possibile montare dei pannelli solari, perché legati a vincoli architettonici, paesaggistici o ambientali