#gaeta / Giornata ecologica in via del Piano: l’iniziativa del meet-up del Movimento cinque stelle

da

Le molte lamentele ricevute, provenienti soprattutto dai residenti in zona Via del Piano, ci hanno spinto ad organizzare lì la 9° giornata ecologica, alla quale oltre agli attivisti ha partecipato il portavoce alla Camera dei deputati Raffaele Trano. Abbiamo trovato una situazione a dir poco sconfortante che rasenta il degrado assoluto. In quel luogo giacevano abbandonati da mesi rifiuti di ogni specie, come pannolini usati, preservativi, giacigli di fortuna, e, cosa ancor più grave decine di carcasse di ratti e uccelli (probabilmente frutto delle battute di caccia di gabbiani, spinti a terra dal depauperamento della fauna marina).

È evidente che un tale stato dei luoghi non è degno di un paese civile e soprattutto non è immaginabile per un’area dove ogni settimana avviene il mercato (anche alimentare!!!) del mercoledì. La responsabilità di ciò, ovviamente, non può che essere ascritta a chi sporca, ma anche all’amministrazione comunale che ogni anno sborsa circa 5.700.000 euro di soldi nostri e tollera tutto ciò. Sul punto evidenziamo che il nostro attivista Gianluca Macone ha presentato un accesso agli atti proprio per conoscere l’intensità dei controlli operati dall’amministrazione su Ecocar e che ad oggi non è pervenuta alcuna risposta.

È vero pensar male è peccato, tuttavia questo silenzio potrebbe autorizzare qualcuno a credere che il Comune non abbia esercitato il proprio compito di controllare il gestore e salvaguardare i soldi che i gaetani spendono, anche per i servizi non svolti (tra questi: il lavaggio periodico delle strade). Speriamo, quindi che a breve, l’amministrazione risponda e che non ci costringa a dover tornare sui luoghi per completare il lavoro. Da ultimo invitiamo residenti, turisti ed operatori del mercato settimanale a voler collaborare non sporcando nuovamente quei luoghi, di proprietà del consorzio industriale, dove però, a tutti gli effetti, l’amministrazione è lenta con la pulizia, ma solerte ad incassare multe!

Com. Stampa