#gaeta / “Sulle orme dei Barbarossa”, il progetto che lega scuole di Gaeta, Minturno e Amalfi

da

“Il 6 maggio, presso l’aula polifunzionale dell’ Istituto Comprensivo Principe Amedeo si è svolta una delle due giornate dedicate al progetto Sulle orme del Barbarossa, manifestazione che da due anni è il simbolo del gemellaggio storico fra l’Istituto Principe Amedeo e l’Istituto Comprensivo A.Sebastiani di Minturno, ai quali, quest’anno, si è unito l’Istituto Comprensivo di Amalfi. Ospiti della Dirigente Maria Angela Rispoli, infatti, i ragazzi dei due istituti gemellati accompagnati dai docenti e dai Dirigenti Scolastici, Prof. Vincenzo D’Elia e  Prof. Aniello Milo”. Inizia così la nota con la quale dalla scuola Principe Amedeo di Gaeta raccontano una delle ultime manifestazioni che ha caratterizzato quest’anno scolastico ormai concluso.

“Un brano musicale in stile rinascimentale ed un corteo in costume hanno aperto la manifestazione, che ha avuto come filo conduttore il tema Il Barbarossa e la musica del mare che unisce, infatti la musica  – si legge ancora nel resoconto affidato alla nota – è stata la protagonista della giornata ed è servita per dare maggior risalto agli interventi storici che hanno permesso di far conoscere meglio la figura di questo famoso pirata. Sono intervenuti lo storico amalfitano Prof. Gargano Giuseppe che ha presentato delle diapositive sul rapporto fra Amalfi e il Barbarossa e il Dott. Lino Sorabella con un intervento sulle difese di Gaeta nel 1500. Dai lavori in power point dei ragazzi delle classi 2 A e 2 C sono emersi importanti informazioni sulla storia della pirateria e sullo sviluppo delle tecniche di navigazione, attraverso un’analisi storica sulle varie imbarcazioni barbaresche che solcarono i mari in quegli anni, notizie ottenute grazie al valido contributo dell’esperto Sig. Di Nitto Carlo, presente alla manifestazione.

Molto suggestivo il balletto in stile arabo presentato dalle ragazze delle classi coinvolte con la coreografia preparata delle alunne Asia Riesco e Sara Di Nitto, emozionante e coinvolgente la tammurriata che ha chiuso la manifestazione, realizzata sotto la guida dei musicisti Ferraiuolo e De Luca. Al centro di tutto il mare, luogo di incontro –scontro fra diversi popoli, a volte un ponte che unisce, altre volte un ostacolo che separa, il mare che ci fa sognare, ci fa chiudere gli occhi e avvolti dalla musica ci trasporta nel mondo dei pirati barbareschi, sulle loro navi, il mare, il Mediterraneo, il mare Nostrum.

Una grande manifestazione per raccontare una storia avvincente che ha riguardato il nostro territorio, riscoperto attraverso le memorie storiche egli esperti e attraverso l’entusiasmo e la partecipazione di tutti i ragazzi coinvolti nel progetto, fortemente voluto dalla Dirigente Maria Angela Rispoli, impreziosito dalla presenza dei ragazzi di Amalfi e di Minturno, sapientemente orchestrato dal prof. Fabrizio De Paola e coordinato dalle insegnanti Pavesi Patrizia per l’aspetto musicale, Paciullo Cinzia per la parte artistica, Silva Carmela, Staibano Maria  e Matarazzo Daniela per l’aspetto letterario“.

I gemellaggi sono importanti perché creano legami di amicizia culturale, relazioni sociali, perché tutti insieme - ha sottolineato all’interno della medesima nota, la Dirigente in chiusura della manifestazione - possiamo crescere per costruire cittadinanza attiva e coscienza democratica. È importante allargare gli orizzonti, lavorare insieme in attività interculturali che ci permettano, però, di ritornare sempre alle nostre radici perché solo nelle nostre radici- ha concluso la Dirigente -troviamo la forza per costruire il futuro. Al termine della manifestazione i ragazzi sono stati accolti dal comandante del veliero Signora del Vento per una visita guidata a quello che è il secondo veliero italiano più grande della Marina Militare dopo la “Amerigo Vespucci” e mantiene tutto il fascino dell’andar per mare che ha caratterizzato i millenni della storia umana, naturale conclusione di una giornata che ha avuto come filo conduttore appunto il mare.

Nel pomeriggio i ragazzi sono stati invitati nell’aula consiliare del comune per un incontro con il sindaco Dott. Cosmo Mitrano che ha donato ai tre dirigenti presenti delle stampe di Gaeta e dei volumi sulla storia della città, ricevendo in cambio dal prof. Gargano dei suoi testi sulla storia e cultura amalfitana; dal Dirigente Milo una riproduzione di Amalfi su carta speciale delle antiche cartiere della stessa cittadina. Il sindaco ha ribadito l’importanza dei gemellaggi e della sinergia fra scuole ed istituzioni che è alla base di qualunque percorso formativo e costruttivo. Ancora un bellissimo momento di crescita per i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Principe Amedeo”.