#itri / “Introduzione al controllo documentale”, il corso per le forze di polizia per il fenomeno “alias”

da

Lotta al crescente fenomeno degli “alias”, la contraffazione dell’identità per sfuggire ai controlli, e maggiore coordinamento tra le forze di polizia sul territorio nazionale. Questo lo scopo che si prefigge il corso di formazione dal titolo “Introduzione al controllo documentale” riservato agli appartenenti alle forze di polizia, sia locali che nazionali, in programma a Itri mercoledi 24 gennaio. Il progetto, promosso dal comando della Polizia Locale di Itri, al fine di accrescere la professionalità del personale impiegato nelle attività istituzionali, tiene conto del fatto che, a sud di Firenze c’è appena il 5 per cento degli operatori che, su iniziativa del tutto personale, sono aggiornati e tra loro collegati per riscontrare, nel corso dei dovuti controlli, l’autentica identità dei soggetti sottoposti a tale verifica.

“La materia trattata è di stringente attualità – sottolinea il cap. Raoul De Michelis, da qualche mese comandante del corpo di Polizia Locale di Itri e unico operatore abilitato e attivo per questo particolare servizio a sud di Roma -riguarda il controllo documentale finalizzato all’individuazione di falsificazioni e contraffazioni. Sono infatti in crescita fenomeni di truffe e frodi commesse mediante l’utilizzo di documenti falsi. Le forze di polizia si trovano quotidianamente di fronte a un alto numero di documenti d’identità e di circolazione, soprattutto di provenienza estera, per i quali è necessario conoscere le modalità per affrontare un efficace controllo. Il corso organizzato ad Itri vuole fornire ai partecipanti le informazioni pratico-operative che permettano agli operanti di affrontare il controllo su strada dei numerosi veicoli di provenienza estera; si è rilevato infatti un crescente utilizzo di documenti contraffatti al fine di aggirare i controlli di polizia”.

“Non va sottovalutato – prosegue De Michelis – il fenomeno di soggetti, che gravati da provvedimenti di polizia, cercano, mediante documenti falsi, di nascondere le proprie generalità. In alcune situazioni ci troviamo di fronte a soggetti extracomunitari, che mettendo in atto questo modus operandi, cercano di passare quali cittadini comunitari per ottenere l’iscrizione anagrafica. La forze di polizia, la polizialocale in primis, devono essere pronte per rispondere al crescente perfezionamento dei criminali; pertanto è la formazione la primaazione di contrasto”.

La giornata formativa, che avrà inizio alle ore 9.00 e terminerà alle 17.00 del 24 gennaio prossimo, vede già oltre cento partecipanti registrati provenienti dalle diverse forze di polizia della regione Lazio e dalle regioni limitrofe. Ciò dimostra l’interesse per gli operatori della sicurezza desiderosi di accrescere le proprie competenze. È ancora possibile iscriversi all’evento, totalmente gratuito per i partecipanti.

“Accolgo con soddisfazione – ha dichiarato il sindaco Avv. Antonio Fargiorgio – che un evento del genere venga organizzato nel comune di Itri con lo scopo di accrescere la professionalità della polizia locale itrana e di tutti i partecipanti all’evento. Sicuramente questo sarà il primo di una serie di momenti formativi che il nostro comune intende organizzare. Le nuove normative in materia di sicurezza urbana auspicano la collaborazione tra forze di polizia nazionali e locali ed in tal senso il Comune di Itri intende farsi promotore di azioni sinergiche affinché ciò accada”.

Relatori dell’evento saranno il cap. Raoul De Michelis e l’app. Alfonso Sorvillo, entrambi esperti in materia di controllo documentale i quali forniranno ai partecipanti le necessarie nozioni tecniche sull’argomento, frutto dell’esperienza maturata sul campo. Va sottolineato, nella fase organizzativa, anche l’impegno dell’agente Alfieri Cibelli di Lenola, accreditato di particolari note positive nel servizio svolto, tra l’altro, a Giuliano di Roma, San Felice Circeo, Norma e Cetara, perla della Costiera amalfitana.